domenica 1 ottobre 2017

FITA NAZIONALE / Conclusa la 30ª Festa del Teatro (e arrivederci al 2018!)

 È “Ben Hur” di Gianni Clementi proposto dalla compagnia La Bottega dei ReBardò di Roma lo spettacolo vincitore del 30° Premio Fitalia. La consegna del riconoscimento è avvenuta venerdì 29 settembre nella capitale, al Teatro San Carlo da Sezze, nel corso di una serata di gala resa ancora più emozionante dalla presenza dell'attore Enzo Garinei, al quale sono andati il Premio Speciale Fitalia e il lungo, caloroso applauso del pubblico. 
In splendida forma, cordiale e sorridente, l'artista 91enne ha regalato al pubblico ricordi di gioventù e riflessioni su un mestiere difficile ma straordinario, con un pensiero particolare rivolto proprio al grande mondo del teatro amatoriale, che vede la Fita - quest'anno impegnata nelle celebrazioni del proprio 70° di attività - quale organizzazione leader in Italia, con circa 1400 compagnie e oltre 23mila iscritti: «È davvero importante - ha dichiarato l'attore - sostenere queste compagnie, i piccoli teatri e la Fita per tutto quello che fanno, per il teatro in generale e per i giovani che iniziano la loro strada. Come me la pensava mio fratello Pietro, molto legato alle compagnie amatoriali e sempre felice di permettere loro la messinscena di tanti suoi lavori, scritti con Sandro Giovannini e il maestro Armando Trovajoli».
Tra gli applausi della platea, Garinei ha poi regalato un momento di toccante poesia, recitando i versi di un anonimo autore brasiliano dal titolo “Orme sulla sabbia”, ma chiudendo il suo intervento nel segno dell'allegria e dell'inossidabile passione per la scena che lo caratterizzano, ricordando l'ormai prossimo debutto, al Brancaccio di Roma, giovedì 12 ottobre, della nuova edizione della commedia musicale “Aggiungi un posto a tavola”, tra i capolavori di Garinei e Giovannini, nel quale rivestirà il ruolo di Dio.

Fitalia 2017: gli altri premi
Oltre al premio per il migliore spettacolo, il Fitalia 2017 si è articolato come sempre anche in altri ambìti riconoscimenti: per la regia, vittoria di Lello Genovese per “Venerdì 17” della compagnia Tra Palco e Realtà di Portici (Napoli); fra gli interpreti, gradino più alto del podio per Luigi Moneta come attore (Quelli del Martedì di Caprarola - Viterbo, per “La quarta onda” di Alessandro Morganti e Angelo Pecorelli), Ramona di Martino come attrice (Compagnia Incontri di Portici - Napoli, per “Ferdinando” di Annibale Ruccello) e Sandro Calabrese (La Bottega dei ReBardò) e Anna Chiara Bassan (La Zonta di Thiene - Vicenza, per “Mercurio” di Amelie Nothomb) come attori e attrici caratteristi. Infine, premio per il migliore allestimento alla Piccola Ribalta di Pesaro per “Improvvisamente l'estate scorsa” di Tennessee Williams.

Festa del Teatro 2018: da Roma a Palermo nel nome del teatro e della cultura
La serata al San Carlo da Sezze ha consentito anche il simbolico passaggio del testimone tra Roma e Palermo come città ospitante della prossima Festa del Teatro, evento nel cui ambito si svolge annualmente la consegna dei Premi Fitalia: una scelta, quella della bella città siciliana, dettata dal suo inserimento tra le Capitali Europee della Cultura per il 2018.
Alla cerimonia hanno partecipato tra gli altri, oltre al presidente nazionale Fita, Carmelo Pace, e ai presidenti Fita del Lazio, Andrea Serafini, e della Sicilia, Antonella Messina, il consigliere comunale di Palermo Giulio Cusumano, il presidente di FederTeatri Sicilia Francesco Giacalone, e il consigliere Ignazio Cozzoli per il Comune di Roma. Con loro anche Giuseppe Pierro in rappresentanza del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur), con il quale la Federazione sta portando avanti da anni una fruttuosa e intensa collaborazione, mirata soprattutto ai giovani e al mondo della scuola.

Fita, 70 anni di impegno per il teatro amatoriale italiano
La serata di gala per Fitalia 2017 è stata l'occasione anche per ricordare i 70 anni della Federazione, nata nel 1947 e prima organizzazione del settore in Italia a costituirsi a livello nazionale, prima come aggregazione dei Gruppi d'arte drammatica (Gad) e successivamente, dopo un sodalizio con l'Ente nazionale assistenza lavoratori (Enal), come entità del tutto autonoma: era il 1978 e tra quanti contribuirono a quel fondamentale passaggio vi furono anche Gabriele Sanges e Aurelio Angelucci, che al Fitalia hanno ricevuto la medaglia celebrativa del 70° Fita.
Condotta con brio e freschezza dal giovane Biagio Graziano, la serata al San Carlo da Sezze ha visto anche la partecipazione di Alfredo Valle e Gianni “Way” D'Aliesio, simpatici “disturbatori” della cerimonia nei panni degli esilaranti “vegetti” liguri Beppe e Gino.

Una 30ª Festa ricca di eventi e uno spazio speciale per i giovani
Un anniversario significativo, questo, che si affianca al 30° della Festa del Teatro: evento che tra domenica 24 settembre e domenica 1 ottobre ha portato a Roma Ostia tanti affiliati alla Federazione da ogni parte d'Italia, oltre ai sedici giovani dell'Accademia del Teatro Fita, protagonisti di una settimana di formazione condotta dalla regista Valentina Mustaro (con un lavoro sul “Dyscolos” di Menandro) e coordinata dal direttore artistico nazionale, Mauro Pierfederici. La restituzione scenica di questo percorso formativo è stata applaudita sabato 30 settembre, sempre al San Carlo da Sezze e completata, la mattina seguente, da un dibattito tra i partecipanti alla Festa e i ragazzi dell'Accademia: Flavio Ostuni dalla Basilicata; Saverio Rizzo dalla Calabria; Elena Maria Rosaria Pagano e Antonio Carmando dalla Campania; Cristina Vespignani dall’Emilia Romagna; Alexei Coianiz dal Friuli-Venezia Giulia; Asia Bertello dal Lazio; Lisa Nero e Ilario Andreoli dalla Liguria; Giulia Grassini dalle Marche; Alessandra Minchillo dal Piemonte; Angelo Fucito dalla Puglia; Chiara Calandrino dalla Sicilia; Beatrice Cozzari dall’Umbria; Rachele Lavarda e Matteo Sartori dal Veneto.
Realizzata con la collaborazione organizzativa di Fita Lazio e con la direzione artistica di Fiammetta Fiammeri, la Festa del Teatro è stata arricchita anche da stage e incontri con personalità del mondo del teatro: tra gli altri, il drammaturgo Gianni Clementi, gli attori Rocco Mortelliti e Giovanni Dallargine, che hanno condotto stage rispettivamente su commedia dell'arte e improvvisazione, Massimo Rossi, che ha raccontato la sua lunga esperienza nel mondo del doppiaggio come “voce” di star quali Sean Penn e Bruce Willis, e Mirella Arcamone, esperta con la quale si è affrontato il tema dell'alternanza scuola-lavoro.
Numerosi, durante la settimana, anche gli spettacoli messi in scena da compagnie laziali, in rappresentanza delle realtà provinciali Fita della regione, e applaudita anche l'esibizione delle compagnie finaliste al concorso “La mania della regia”, che ha visto cinque gruppi confrontarsi su altrettante possibili declinazioni di uno stesso testo: alcune poesie di Edgar Lee Masters, tratte dalla “Antologia di Spoon River”. 


LE PRIME IMMAGINI DEI RAGAZZI DELL'ACCADEMIA

Parte dei ragazzi dell'Accademia con il presidente Fita Carmelo Pace all'indomani dello spettacolo


Alcune scene dal "Dyscolos" di Menandro















Foto di gruppo dopo lo spettacolo nato dallo studio del "Dyscolos" di Menandro

La regista Valentina Mustaro con il presentatore Biagio Graziano

LA SERATA DEI PREMI FITALIA
Gabriele Sanges e Aurelio Angelucci con il presidente Carmelo Pace

I "vegetti" Alfredo Valle e Gianni D'Aliesio

Per il migliore allestimento, premiata la Piccola Ribalta di Pesaro per "Improvvisamente l'estate scorsa"

Sandro Calabrese (La Bottega dei ReBardò di Roma), migliore attore caratterista

Chiara Dalle Carbonare (La Zonta di Thiene - Vicenza) ritira il premio a nome della collega Anna Chiara Bassan, migliore attrice caratterista

Luigi Moneta (Quelli del Martedì di Caprarola - Viterbo), migliore attore

Ramona Di Martino (Compagnia Incontri di Portici - Napoli), migliore attrice

Lello Genovese (Tra Palco e Realtà di Portici - Napoli), premiato da Enzo Garinei come migliore regista


Enzo Garinei, Premio Speciale Fitalia 2017

Enzo Garinei con la medaglia celebrativa dei 70 anni Fita

Un momento del simbolico passaggio del testimone, come sede della Festa del Teatro 2018, fra le città di Roma e Palermo

I presidenti dei Comitati Regionali Fita che hanno ospitato open day durante la Festa del Teatro Italiano
Enzo Ardone de La Bottega dei ReBardò di Roma riceve dal presidente Fita Carmelo Pace il Premio Fitalia 2017 per il migliore spettacolo ("Ben Hur" di Gianni Clementi)



ALCUNE FOTO DA STAGE E INCONTRI DELLA 30ª FESTA DEL TEATRO

Il drammaturgo Gianni Clementi durante l'incontro condotto da Fiammetta Fiammeri, direttrice artistica della Festa 2017


Il doppiatore Massimo Rossi intervistato da Fiammetta Fiammeri, direttrice artistica della Festa 2017


Un gruppo di partecipanti alla Festa durante una visita agli studi di Cinecittà

Visita ad Ostia Antica e alle sue meraviglie










 

Nessun commento:

Posta un commento