mercoledì 11 ottobre 2017

FITA CALABRIA / Lamezia Terme: presentata la settima edizione di "Vacantandiu"

È stata presentata presso la sala consiliare “G. Napolitano” la rassegna “Vacantiandu-Città di Lamezia Terme 2017/18”, organizzata dall’associazione “I Vacantusi”, sotto la direzione artistica di Nicola Morelli e Diego Ruiz, con la guida del direttore amministrativo Walter Vasta e il patrocinio del Comune e sotto l’egida artistica della Federazione Italiana Teatro Amatoriale (FITA) e del Club per l’Unesco di Lamezia Terme.
La presentazione di un evento culturale costituisce sempre un motivo di gioia per un’intera città, ed è proprio con uno spirito di gaia partecipazione che è stato ufficializzato il cartellone di una rassegna che, anche quest’anno, coniugherà il sorriso alla solidarietà e alla condivisione.
Nel segno dell’allegria e del divertimento come strumenti terapeutici per esorcizzare gli affanni del vivere quotidiano, la rassegna “Vacantiandu”, giunta alla settima edizione, quest’anno si impreziosisce dell’accezione di “Teatricittà”, sottolineando la valenza storica, artistica e architettonica del prezioso patrimonio costituito dai tre teatri cittadini - Grandinetti, Costabile ed Umberto - che diventeranno location degli spettacoli e dunque luoghi di cultura e culla di quelle idee che solo e soltanto il teatro può elevare all’universalità.
La rassegna sarà suddivisa in due parti: una sezione dedicata al teatro amatoriale, con otto spettacoli in cartellone, ed un’altra dedicata alle compagnie di professionisti, con cinque spettacoli, partendo da “Il Pomo Della Discordia” di Carlo Buccirosso, che aprirà la stagione il 2 novembre, per proseguire, fra gli altri, con Lello Arena in “Parenti Serpenti” e Biagio Izzo in “Dì che ti manda Picone”.
Alla stagione teatrale vera e propria saranno affiancati numerosi workshop, seminari e laboratori teatrali a cura del maestro-regista Giovanni Carpanzano, alcuni dei quali coinvolgeranno i liceali dell’Istituto “Campanella” e gli alunni dell’I.C. Sant’Eufemia.
Sarà riproposto per la quarta volta il progetto “Antonio Federico” per avvicinare, attraverso il ricordo del piccolo Antonio e della sua passione per l’arte teatrale, gli adolescenti al teatro, insegnando loro l’essenza umana ed educativa del linguaggio scenico.
Eventi speciali saranno il “Premio Bronzi di Riace” per il teatro amatoriale, voluto da FITA, rappresentata in conferenza stampa dal tesoriere nazionale, Giuseppe Minniti, ed il “Riconoscimento Federico II”, serata di solidarietà con i soci del Lions Club Lamezia Host.
Novità di quest’anno sarà l’ingresso gratuito a teatro per gli studenti lametini meritevoli e per le famiglie bisognose, con il supporto del Comune e dei Servizi Sociali.
Vacantiandu 2017/18” si svolgerà inoltre in partnership con il Lamezia Film Fest, portato avanti da Gianlorenzo Franzì, giunto ormai alla sua IV edizione e articolato quest’anno in cinque eventi, con l’intervento di ospiti di caratura nazionale e internazionale. È previsto, inoltre, un concorso per cortometraggi i cui vincitori avranno accesso al Pentedattilo Film Festival.
Una rassegna che accende i riflettori sulla tradizione come fondamento della modernità e punta alla socialità come strumento per superare il particolare momento storico ed umano che stiamo vivendo.
La presenza del Presidente del Club per l’Unesco di Lamezia Terme, Mauro Vasta, ha evidenziato la valenza altamente edificante di un teatro che tutela e salvaguarda, attraverso il colore ed il calore della tradizione del vernacolo, un passato che è necessario tramandare alle nuove generazioni, perché parte viva della loro identità.

Un momento della conferenza stampa di presentazione della rassegna "Vacantiandu"


Nessun commento:

Posta un commento