sabato 10 ottobre 2015

Le candidature e i vincitori del premio Fitalia 2015




Le candidature e i vincitori del premio
Fitalia 2015

Migliore spettacolo

  1. Questi fantasmi - Amici del teatro di Nicolosi


  1. Piccoli Crimini Coniugali - La Corte dei Folli di Fossano


  1. “Settaneme” - Compagnia Bianconiglio di Eboli

Vince: “Settaneme” - Compagnia Bianconiglio di Eboli, con la seguente motivazione

In un suggestivo paesaggio di asperità dantesca – ma purgatorio o limbo più che inferno – sette anime morte rievocano le loro vicende terrene e il loro concludersi nella morte, in un clima medievale di ataviche e tribali superstizioni. L’irrisolto confronto tra le opposte forze della Vita e della Morte, che si contendono il primato nell’esistenza umana, viene contemplato in questo spettacolo di grande impatto emotivo, cui contribuiscono parole e musica di pari e pregnante autenticità.


Migliore regia


  1. Marina Morra         “Piccoli Crimini Coniugali” La Corte dei Folli di Fossano

  1. Alberto Bozzo    “Una tonnellata di soldi”   La Trappola di Vicenza

  1. Bruno Di Donato   “ Settaneme” Compagnia Bianconiglio di Eboli


Vince: Alberto Bozzo con la seguente motivazione

La riuscita messa in scena di Bozzo dimostra come sia possibile mescolare e, vitalmente, contaminare il Teatro con altri strumenti di comunicazione visiva. Dal fumetto al cinema, dal cartone animato, al circo, dalla parola all’immagine. Non era facile, ma il regista con mano ferma, presente ed acutamente intelligente, riesce a condurre i suoi attori attraverso una recitazione volutamente sopra le righe ma mai fuori luogo, in uno spazio scenico fantasioso ed originale, verso un risultato finale assai convincente.



Miglior Allestimento Scenico


  1. Adolfo Carmelo Puglisi   “ Via dell’Angelo”  Compagnia la Proposta di Sangiovanni la Punta

  1. Carolina Cubria  “ Una tonnellata di soldi” Compagnia La Trappola di Vicenza

  1. Domenico Rizzo  “ Questi fantasmi”  Compagnia  Amici del teatro di Nicolosi

  1. Gabrio Bianchini  “ Senza Moccolo” Associazione Culturale Il Delfino di Villa Adriana

Vince: Carolina Cubria con la seguente motivazione

La bella invenzione di uno spazio “trompe l’oeil” inquadra l’ambiente in cui si svolge la paradossale vicenda narrata. E’ una sorta di traduzione teatrale di varie e svariate espressioni dell’arte moderna, dal fumetto, al cartone animato, da Charles Schulz a Andy Warhol, che Carolina Cubria realizza con eleganza e ricchezza di spiritose invenzioni e grande abilità tecnica e artigianale.


Miglior attore protagonista


  1. Diego Ciarloni    nel ruolo di Dio in “Oh mio Dio” compagnia Claet di Ancona

  1. Francesco Giuffrida nel ruolo di Cola Duscio in “L’ Aria del Continente” compagnia la marmotta di Fagnano Olona

  1. Pinuccio Bellone nel ruolo di Gilles in “Piccoli Crimini Coniugali” Compagnia la Corte dei Folli di Fossano

Vince: Pinuccio Bellone


Migliore attrice protagonista

  1. Cristina Viglietta nel ruolo di Lisa in “Piccoli Crimini Coniugali” Compagnia la Corte dei Folli di Fossano

  1. Rosanna Postorino nel ruolo di Luisa in “il marito di mia moglie” compagnia Alter Ego di Lucera

  1. Ilaria Verdini nel ruolo di Ella in “Oh mio Dio “Compagnia Claet di Ancona

  1. Emanuela Soffiantini nel ruolo di Anna “Gente di facili costumi” Compagnia Le Muse di Cremona

Vince: Cristina Viglietta

La giuria ha ritenuto di assegnare i due premi agli attori, entrambi interpreti nella stessa commedia, con la medesima motivazione.

Un ambiente raffinato, ma, tutto sommato, claustrofobico accoglie Gilles e Lisa, la loro storia. Apparentemente una moglie premurosa ed innamorata; apparentemente un marito frastornato e che ha perso la memoria; apparentemente una coppia che era serena apparentemente. Ma dietro l’apparenza, appunto, c’è un mondo di sentimenti, di insoddisfazione, di dolore, d’amore. Solo due attori straordinari come Pinuccio Bellone e Cristina Viglietta potevano aprire allo spettatore la porta di quel mondo, attraversando con maestria le mille sfaccettature dei personaggi. E allo spettatore, grato non resta che applaudirli senza riserve.

Migliore attore caratterista


  1. Giovanni Messina nel ruolo di Raffaele QUESTI FANTASMI     Compagnia Amici del teatro di Nicolosi

  1. Umberto Priore nel ruolo di Don Domenico Cerruto in SETTANEME Compagnia Bianconiglio di Eboli

  1. Giancarlo Cittadini nel ruolo del Marchese Rinuccini in SENZA MOCCOLO Associazione Cult. IL DELFINO di Villa Adriana

Vince: Giovanni Messina con la seguente motivazione

Il teatro di Eduardo ci ha regalato una serie ininterrotta di grandi caratteristi i cui nomi, a buon diritto, possono essere scritti nella storia del teatro. Ebbene, Giovanni Messina può essere inserito a pieno titolo tra questi attori straordinari grazie ad una interpretazione misurata, e divertente con la quale disegna puntualmente ed efficacemente il personaggio del portiere. E se non vuole restare solo in una casa che crede infestata da fantasmi……. Non si può far altro che rimanere con lui ed accontentarlo!



Migliore attrice caratterista

  1. Serena Urti    nel ruolo della Morte SETTANEME Compagnia Bianconiglio di Eboli

  1. Giulia Loi     nel ruolo di Teresa SENZA MOCCOLO  Associazione Cult. IL DELFINO di Villa Adriana

Vince: Giulia Loi   con la seguente motivazione

Il personaggino di Teresa spicca sullo sfondo di un animato e popolatissimo spettacolo grazie all’interpretazione di Giulia Loi, che vi fonde tutte le tradizionali versioni del ruolo di giovane attrice - dalla servetta, all’ingenua, alla coquette – in un perfetto equilibrio, reso convincente da una naturale simpatia e presenza scenica, e una grande misura sia gestuale che tonale
  
Le compagnie ammesse alla fase finale:

La Corte dei Folli            Fossano (CN)         “Piccoli crimini coniugali”

La Compagnia delle Muse   Cremona            “Gente di facili costumi”

La Marmotta         Fagnano Olona (VA)          “L’aria del continente”

La Trappola              Vicenza                      “Una tonnellata di soldi”

C.L.A.E.T.                Ancona                              “Oh Dio Mio”

Il Delfino                Villa Adriana (ROMA)          “Senza moccolo”

         Alter Ego                Lucera (FG)                 “Il marito di mia moglie”

        Teatro del Bianconiglio        Eboli (SA)                  “Settaneme”

        Amici del Teatro          Nicolosi (CT)                   “Questi fantasmi”

        La Proposta      San Giovanni La Punta (CT)         “Via dell’Angelo”
    


I premi FITALIA sono stati consegnati nel corso della serata finale della Festa del Teatro a Salerno, Teatro Augusteo il giorno 26 settembre 2015.
La commissione che ha assegnato i premi tra le compagnie finaliste era composta da:
Luigi Lunari - Drammaturgo – romanziere e saggista
Fiammetta Fiammeri – Presidente commissione F.A.G. - FITA
Mauro Pierfederici - Direttore artistico della FITA
Franco Di Lorenzo - attore/regista FITA













Nessun commento:

Posta un commento