giovedì 29 ottobre 2015

CRITICA, AUTOCRITICA E CENSURA - ROVIGO 8 NOVEMBRE

Appuntamento aperto sia agli iscritti che al pubblico

«CRITICA, AUTOCRITICA E CENSURA»: IL TEATRO RIFLETTE SUL “LIMITE”
DOMENICA 8 NOVEMBRE 
A ROVIGO IL CONGRESSO REGIONALE F.I.T.A. VENETO

L'arte e il limite. Imposto dall'esterno, come nel caso della critica o della censura. Oppure auto-imposto, quando un artista si confronti con se stesso, riuscendo ad essere giudice imparziale del proprio operato o ad accettare e rendere utili eventuali osservazioni critiche che gli vengano rivolte. Di tutto questo si parlerà domenica 8 novembre dalle 10 (apertura segreteria alle 9.30), al Teatro al Duomo di Rovigo, scelto come sede dell'annuale congresso di F.i.t.a. Veneto - la più grande associazione regionale del teatro amatoriale – che quest'anno avrà come titolo “Critica, autocritica e censura”.Come relatori sono stati scelti quattro esperti in grado di sviluppare l'argomento sotto altrettante prospettive. Visti anche i recenti avvenimenti che hanno movimentato le cronache teatrali di questi ultimi mesi - in particolare la performance di Frank Willens a Santarcangelo, quella di Angelica Liddell a Vicenza e il “Guglielmo Tell” diretto da Damiano Michieletto – interessante sarà l'opinione di Luigi Lunari, drammaturgo di fama internazionale, che si soffermerà soprattutto nel delicato tema della censura, prendendo spunto anche da sue dirette esperienze. Della critica teatrale, delle sue regole, del suo ruolo, delle sue prospettive ai tempi del web e delle sue ricadute sugli artisti parlerà invece il giornalista Nicolò Menniti-Ippolito, mentre allo psicologo Ferruccio Cavallin è stato affidato il compito di spiegare il complesso rapporto che ciascuno di noi – e un artista in particolare – ha con l'autocritica. Infine, la parola all'attore, regista e organizzatore Mirko Artuso.In occasione del congresso, che sarà aperto da un intervento del presidente di F.i.t.a. Veneto Aldo Zordan, sarà presentata la nuova edizione dell'annuario delle compagnie attive a livello regionale, completo di repertori e contatti.

L'ingresso è libero. Per informazioni: Fita Veneto, stradella delle Barche 7, Vicenza 





Nessun commento:

Posta un commento