giovedì 14 settembre 2017

PRIMO CONCORSO DI TEATRO AMATORIALE "TEATRO DI GUSTO" – EDIZIONE 2018



L’Associazione culturale Battello ebbro di Firenze,con il patrocinio della Federazione italiana teatro amator,i organizza  il primo concorso nazionale di teatro amatoriale, dal titolo “TEATRO DI GUSTO”

Il concorso si svolgerà a Firenze, presso il TEATRO DEL BORGO, dal 4 febbraio al 25 marzo 2018, con cadenza quindicinale

SCARICA                  BANDO

FITA VENETO / 25° "Teatro dalla Scuola": dal 3 ottobre al Modernissimo di Noventa Vicentina


Ha il sapore dell’evento l’edizione 2017 di “Teatro dalla Scuola”: la venticinquesima in versione regionale dello storico concorso per laboratori teatrali delle scuole superiori del Veneto, nato però ben 57 anni fa a Vicenza, a carattere provinciale.
Veste speciale, dunque, per la nota manifestazione, ideata e promossa dall'associazione teatrale «Città di Vicenza» e organizzata da F.i.t.a. Veneto, la Federazione Italiana Teatro Amatori regionale, che quest’anno ha deciso di trasferire il concorso – come sempre aperto al pubblico con ingresso gratuito – sul palcoscenico del “Teatro Modernissimo” di Noventa Vicentina, con il patrocinio del Comune.
Quella proposta è dunque una vera e propria mini-rassegna in quattro serate: tre di gara, da martedì 3 a giovedì 5 ottobre, con inizio alle 20.45 e due spettacoli per data; ed una finale dedicata alle premiazioni, sabato 7 ottobre, ma con in più uno spettacolo fuori concorso, alle 21.
Si comincia martedì 3 ottobre con gli studenti del Liceo “Celio-Roccati” di Rovigo in “Isabella, tre caravelle e un cacciaballe” di Dario Fo, seguiti dai colleghi dello scientifico “G.B. Quadri” di Vicenza ne “Il suono dell’universo”, scritto dai partecipanti al Laboratorio e ispirato dalle “Cosmicomiche” di Italo Calvino.
Mercoledì 4 ottobre apertura di serata con il Liceo “A. Corradini” di Este (Padova) in “#Alice, dove ti sei smarrita?” con testo degli studenti tratto dal romanzo di Lewis Caroll e a seguire “Amleto e nuvole”, proposto dai giovani dello scientifico “P. Lioy” di Vicenza e ispirato al personaggio shakespeariano.
Terzo appuntamento di gara giovedì 5 ottobre, con l’I.t.i.s. “A. Rossi” di Vicenza in “Nebbia, in una notte di mezza estate”, anch’esso dal sapore shakespeariano, e con il liceo “E. Fermi” di Padova ne “I promessi sposi”, ispirato al romanzo di Alessandro Manzoni.
La serata di sabato 7 ottobre, dedicata alle premiazioni, sarà aperta dallo spettacolo fuori concorso “Alcesti” da Euripide, proposto dal liceo classico “A. Pigafetta” di Vicenza.
«Teniamo moltissimo a questa manifestazione – commenta il presidente di F.i.t.a. Veneto, Mauro Dalla Villa – non solo per la lunga storia che ha alle spalle, ma soprattutto per ciò che essa rappresenta: un’opportunità straordinaria per evidenziare quanto un serio avvicinamento al teatro possa significare per i giovani in termini di crescita sia personale, nel rapporto con se stessi e con gli altri, sia culturale, consentendo la formazione di un pensiero critico e un approccio diretto a testi e autori. Per il pubblico, inoltre, questa rassegna è un’occasione da non perdere per condividere l’entusiasmo di tanti giovani pieni di passione e di talento».
Per informazioni: www.fitaveneto.org oppure fitaveneto@fitaveneto.org o ancora 0444 324907 dalle 9 alle 13, dal lunedì al venerdì.
La 25ª edizione di “Teatro dalla Scuola” è inserita nel calendario nazionale F.i.t.a. della “Festa del Teatro Italiano”, per i 70 anni della Federazione e i 30 della sua tradizionale “Festa del Teatro”, quest’anno di scena a Roma Ostia dal 24 settembre all’1 ottobre.

Una scena tratta dallo spettacolo "Alcesti" del Liceo classico "Pigafetta" di Vicenza, fuori concorso



martedì 12 settembre 2017

Premio Ausonia 2017




Vince il Premio Ausonia di Corigliano Calabro

       La Cricca Teatro - Taranto con Questi figli amatissimi  regia di Aldo L’Imperio


Uno spettacolo realistico e simbolico, dai contenuti profondamente attuali. Drammarturgia, interpretazione e regia sono perfettamente in equilibrio. La messa in scena” a tutto tondo” è il risultato di una coesione e coordinazione dei singoli elementi. La quotidianità delle azioni sceniche, l’attualità delle tematiche e l’eccellente prova recitativa degli interpreti, rapiscono il pubblico e lo catapultano in una dimensione di rispecchiamento e di immedesimazione catartica. Scenografia, disegno luci, costumi, musiche ed oggetti di scena, sottolineano simbolicamente i sentimenti e differenti stati emotivi dei personaggi 

Foto della Premiazione





FITA VITERBO / Dal 30 settembre il 22° Festival Città di Viterbo


Ventiduesima edizione per il Festival nazionale Premio “Città di Viterbo”, in programma dal 30 settembre al 5 novembre per iniziativa della Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita) provinciale, con il patrocinio del Comune.
Dedicato alla memoria di Francesco Mencaroni, l’evento è stato presentato alla stampa nella sala del Consiglio Comunale di Viterbo dal presidente provinciale Fita Bruno Mencarelli e dal vice Sebastian Serafini, dal rappresentante del Comitato Fita Lazio Annibale Izzo e dall’assessore alla Cultura del Comune Antonio Delli Iaconi.
«Siamo orgogliosi di questo appuntamento - ha commentato Mencarelli - sia per i 22 anni del Festival, sia per aver traghettato questo evento alla celebrazione dei 70 anni dalla costituzione della FITA, nata nel 1947; ed è in questa edizione speciale che abbiamo ufficializzato e proposto il “Memorial Francesco Mencaroni”: una figura, quella di Francesco, che è stata molto vicino alla Fita con le sue partecipazioni alle numerose feste nazionali del teatro, nelle quali ha potuto trasmettere tutto il suo sapere attoriale. Oltre che grande amico, Francesco è stato inoltre, per decenni, membro critico ed oculato della giuria del festival di Viterbo».

Nella foto, da sinistra: Annibale Izzo, Bruno Mencarelli, Antonio Delli Iaconi e Sebastian Serafini



sabato 9 settembre 2017

FITA NAZIONALE / Ecco i segreti del manifesto per la Festa del Teatro Italiano 2017


Appena pubblicato nella pagina Facebook della Fita nazionale, il manifesto della «Festa del Teatro Italiano 2017», con al centro quella figura giovane e vibrante che sembra danzare nell’aria, ha raggiunto migliaia di persone in poche ore, innescando un crescendo di condivisioni in giro per l’Italia. Potenza dei social, si dirà. Vero. Ma altrettanto vero è che dietro una “presa” così immediata sul pubblico non possono non esserci un pensiero chiaro e una solida esperienza nel settore del design e della promozione. A confermarlo è proprio la “firma” di questa fortunata campagna federativa, Dario Lo Bono, al quale abbiamo chiesto di raccontarci la genesi del manifesto.
«Quello che volevamo ottenere – spiega il grafico siciliano – era dare un senso di leggerezza e di slancio, evitando il rischio di far percepire come “vecchie” una Federazione che festeggia 70 anni e una Festa che ne compie 30. D’intesa con il Direttivo, allora, siamo arrivati a questa silhouette, che dà un’immagine elegante e seria, ma anche giovane e aerea, sottolineata ulteriormente dalla piuma che stringe tra le dita».
Anche il colore di fondo ha il suo perché: «Si è portati a pensare – continua Lo Bono – che il teatro sia tutto o bianco o nero: l’amatoriale Fita, invece, è un mix tra i due, un “grigio” che sta al centro, perché dà la possibilità a tutti di partecipare e avvicinarsi a questo mondo meraviglioso. Non si è trattato, quindi, di una scelta di colore puramente estetica: dietro c’era un concetto da esprimere».
Forte della sua esperienza che fonde “vecchia scuola” e strumenti grafici di ultima generazione, Dario Lo Bono ha qualche consiglio da condividere? «Quando si progetta una locandina – spiega - ogni parte ha un peso all'interno dello spazio complessivo, e l’insieme deve essere equilibrato, perché invogli ad andare oltre l’immagine, passando alla lettura. E poi l’ordine, indispensabile: si vedono locandine A4 nelle quali sono utilizzate magari quattro o cinque Font di testo diverse, e il risultato non può funzionare». 

 

martedì 5 settembre 2017

BANDO - “L'Ora di Teatro – Un Sipario aperto sul Sociale” 2017


La F.I.T.A. Federazione Italiana Teatro Amatori, Comitato Provinciale di Lucca, in collaborazione con il Comune di Montecarlo (LU) e con la Provincia di Lucca, organizza la nona edizione del Festival “L'Ora di Teatro – Un Sipario aperto sul Sociale”, rassegna Nazionale di Teatro Amatoriale Città di Montecarlo, che avrà luogo nel periodo tra novembre e dicembre 2017, presso il Teatro Comunale dei Rassicurati di Montecarlo (LU). ALa F.I.T.A. Federazione Italiana Teatro Amatori, Comitato Provinciale di Lucca, in collaborazione con il Comune di Montecarlo (LU) e con la Provincia di Lucca, organizza la nona edizione del Festival “L'Ora di Teatro – Un Sipario aperto sul Sociale”, rassegna Nazionale di Teatro Amatoriale Città di Montecarlo, che avrà luogo nel periodo tra novembre e dicembre 2017, presso il Teatro Comunale dei Rassicurati di Montecarlo (LU). A


martedì 29 agosto 2017

Festa del Teatro Italiano 2017: dal 1° settembre oltre 100 eventi

Oltre cento eventi in cartellone dalle Alpi al Mediterraneo, fra spettacoli, concorsi, rassegne, open-day, incontri e dibattiti. Un’agenda fittissima di appuntamenti quella che la Federazione Italiana Teatro Amatori (F.i.t.a.) propone a partire dal 1° settembre: un carnet ricco e variegato, stimolante per gli operatori e stuzzicante per il pubblico, realizzato dalla Federazione chiamando a raccolta i propri Comitati Regionali attivi in Italia, e con la grande “Festa del Teatro” - la cui 30ª edizione è attesa a Roma dal 24 settembre all’1 ottobre - come momento culminante.
«L’idea di dedicare un cartellone speciale ai nostri 70 anni e ai 30 della Festa del Teatro – commenta Carmelo Pace, presidente nazionale F.i.t.a. - ha avuto una risposta straordinaria da parte di tutti i Comitati regionali: ma non poteva essere altrimenti, perché ad essere straordinari sono da sempre la passione, l’impegno e la creatività del mondo teatrale che rappresentiamo, forte di circa1400 compagnie e oltre 23mila iscritti».
Quattordici cartelloni regionali si sono così fusi a quello della 30ª “Festa del Teatro”, promossa dalla Federazione in collaborazione con F.i.t.a. Lazio: una settimana tutta dedicata agli iscritti - fra stage, convegni, incontri, spettacoli e momenti di relax -, con uno spazio particolare riservato alle nuove generazioni grazie all’”Accademia del Teatro”, residenza formativa aperta ad un gruppo di giovani provenienti da varie regioni.
Il cartellone proseguirà per tutto il mese di settembre, con alcuni interessanti allunghi regionali anche ad ottobre.