giovedì 23 novembre 2017

Bando "Il Salotto di Hamadeus"



LA  F.I.T.A. PUGLIA in collaborazione con  i proprietari dell’appartamento,  istituisce la prima edizione della Rassegna di Teatro in appartamento  “ IL SALOTTO DI HAMADEUS “ . 


SCARICA                      BANDO

domenica 19 novembre 2017

FITA SICILIA / Primo Festival "Città di Palermo": Enzo Garinei ospite d'onore

PALERMO - Quattro spettacoli, quattro sale, quattro serate per vivere il piacere del teatro, con in più l’emozione di una sfida a colpi di talento e ancora, per la serata delle premiazioni, un grande ospite d’onore: l’attore e regista Enzo Garinei.
È quanto propone la prima edizione del Festival Regionale del Teatro Amatoriale “Città di Palermo”, organizzato dalla Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita) della Sicilia d’intesa con quella nazionale e in collaborazione con FederTeatri. Ingresso libero e inizio alle 21 per tutti gli appuntamenti.
Inserito nella più ampia programmazione del progetto “FormaTeatro”, il Festival prenderà il via martedì 21 novembre al Teatro Jolly di via Domenico Costantino con “Non è vero ma ci credo”, commedia di Peppino De Filippo proposta dalla compagnia Teatranti Instabili di Capaci per la regia di Maria Ansaldi. La vicenda ha per protagonista Gervasio Savastano, convinto di essere perseguitato dalla sfortuna. Sua figlia Rosina, in particolare, gli procura diverse preoccupazioni, perché innamorata di un giovane che, a suo parere, non è adatto a lei. Ma quando in azienda arriva un giovanotto gobbo, tutto sembra risolversi come per incanto: una fortuna che Gervasio non intende farsi sfuggire; ma fino a che punto sarà disposto ad arrivare?
Una scoppiettante commedia di Georges Feydeau per il secondo appuntamento del Festival, giovedì 23 al Teatro Crystal di via Mater Dolorosa. La Compagnia Stabile dei Nomadi di Leonforte (Enna) proporrà, per la regia di Sabrina La Ferrara, “Il gatto in tasca”, pièce nella quale l’autore francese mette alla berlina i sogni ambiziosi di un arricchito il quale, per costringere un importante teatro a mettere in scena un’opera lirica composta dalla figlia, arriva a scritturare un celebre tenore, “scippandolo” al teatro. I suoi piani, però, prenderanno una strada del tutto imprevista.
Ancora un cambio di scena per il terzo spettacolo in concorso, che lunedì 27, al Teatro Lelio di via Antonio Furitano, porterà il pubblico nell’America inquieta e sensuale di Tennessee Williams. La compagnia Teatro e Vita presenterà infatti, per la regia di Giuseppe Celesia, “La gatta sul tetto che scotta”, lavoro reso celebre anche dalla versione cinematografica con Paul Newman e Liz Taylor. Brick e sua moglie Maggie non hanno figli, mentre il fratello di lui, avido e interessato solo all’eredità di famiglia, ne ha una nidiata. Quale dramma si cela dietro l’apparente freddezza di Brick? E riuscirà Maggie a fargli ritrovare la voglia di vivere e di amare?
Doppio appuntamento, infine, mercoledì 29 al Teatro Savio di via Evangelista Di Blasi. Ad aprire la serata sarà il quarto e ultimo spettacolo in concorso: “Siamo tutti precari”, farsa scritta e diretta da Antonello Capodici, messa in scena dall’Accademia dei Guitti di Caltanissetta. Michele e Antonella, nonostante l’incertezza occupazionale, si sposano, ma il loro matrimonio è messo a dura prova, un rovescio dopo l’altro e tra situazioni tanto grottesche da risultare esilaranti, in un via vai di personaggi paradossali.
Dopo l’esibizione, spazio alla cerimonia di consegna dei riconoscimenti, che premieranno, oltre allo spettacolo vincitore della kermesse, i migliori tra registi, attori protagonisti e non protagonisti. All’appuntamento, come anticipato, parteciperà Enzo Garinei, voce di spicco dello spettacolo brillante italiano e animatore, con il fratello Pietro e Sandro Giovannini, di tanti grandi successi del teatro musicale: recentemente, tra l’altro, è tornato a calcare il palcoscenico in una nuova edizione di “Aggiungi un posto a tavola”, per la regia di Gianluca Guidi; e proprio quest'anno è stato insignito, durante la 30ª Festa del Teatro svoltasi a Roma Ostia, del Premio Speciale alla Carriera Fitalia 2017. 
«Siamo molto orgogliosi – commenta Antonella Messina, presidente di Fita Sicilia – di poter avere con noi un artista come Enzo Garinei, grande amico del migliore teatro amatoriale: quel teatro che, come Fita, da sempre sosteniamo e facciamo crescere, anche con appuntamenti speciali come questo, che finalmente vede nascere a Palermo un Festival dedicato al teatro “fatto per passione”».
«Grazie a Fita Sicilia ed in particolare alla sua presidente Antonella Messina - commenta il presidente nazionale Carmelo Pace - Questo è il primo risultato dell’intesa con Federteatri che, con il suo presidente Francesco Giacalone, consente al teatro amatoriale di far apprezzare la sua qualità ad un pubblico sempre più vasto. È poi un viatico importante verso la Festa del Teatro 2018, che avrà luogo proprio a Palermo e per la quale già siamo tutti in campo. Un particolare ringraziamento a Enzo Garinei che, con la sua presenza alla premiazione del 29 sera, ha ancora una volta voluto testimoniare la sua vicinanza alla nostra Federazione e il suo apprezzamento per il teatro amatoriale».
Aggiornamenti attraverso la pagina Facebook di Fita Sicilia; per informazioni, 349 2907485 e sicilia@fitateatro.it.

Enzo Garinei, Premio Speciale alla Carriera Fitalia 2017

Una scena di "Non è vero ma ci credo"

"Il gatto in tasca"

"La gatta sul tetto che scotta"
 
La locandina del Festival "Città di Palermo"

giovedì 9 novembre 2017

FITA GIOVANI / Alta formazione: ultime preselezioni per ITAF 2018

Si va concludendo in tutta Italia il programma per individuare i giovani che martedì 16 e mercoledì 17 gennaio, a Roma, prenderanno parte alle selezioni per ITAF, il percorso di alta formazione teatrale promosso dalla Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita), diretto da Daniele Franci e rivolto a tesserati fra i 18 e i 30 anni. Già attuata nei mesi scorsi in alcune regioni, la scelta prosegue in altre, realizzata attraverso le più diverse modalità a seconda delle realtà territoriali coinvolte.
Il percorso, la cui edizione 2017 si è appena conclusa, prevede quattro settimane residenziali nel centro di alta formazione Fita, a Reggio Emilia (dal 5 al 12 febbraio, dall’11 al 18 marzo, dal 17 al 24 giugno, dall’8 al 15 luglio), e il loro costo sarà sostenuto dalla Federazione, mentre ai partecipanti spetteranno solo le spese di viaggio e un parziale rimborso delle spese di ospitalità. A ottobre è inoltre prevista una settimana residenziale in Olanda, a Utrecht, i cui costi saranno interamente sostenuti dalla Federazione. Quest’anno potrà poi essere attuata un'ulteriore esperienza internazionale: la partecipazione al festival Les Estivades in Belgio, con la possibilità che a prendervi parte siano anche giovani giunti alle selezioni di gennaio, ma non corsisti di ITAF.
«I giovani che si avvicinano al teatro – commenta Carmelo Pace, presidente nazionale Fita – sono una risorsa preziosa e il loro impegno, la loro passione e la loro serietà devono avere tutto il nostro sostegno. Per la loro formazione, oltre a quanto viene proposto nel territorio dai nostri Comitati regionali e provinciali, come Federazione nazionale abbiamo due appuntamenti speciali: uno è l’Accademia del Teatro, una settimana di laboratorio residenziale legato all’annuale Festa del Teatro; l’altro è appunto l’ITAF, un percorso più ampio e articolato, in genere affrontato da chi magari pensa di poter fare del teatro la propria scelta per la vita, o comunque intende mettersi alla prova in maniera più profonda in questo ambito. Soprattutto per loro – conclude Pace - un’occasione come quella offerta da ITAF è di quelle da non perdere: non a caso, diversi ex corsisti sono poi entrati in importanti accademie».
Gli interessati alle preselezioni (che si dovranno concludere entro il 15 dicembre) sono invitati a contattare il proprio Comitato Regionale Fita. L’elenco completo è disponibile su www.fitateatro.it.

Foto di Tamara Boscaino

mercoledì 8 novembre 2017

FITA NAZIONALE / Approvata la legge sullo spettacolo dal vivo: soddisfazione della Federazione

«Accogliamo con viva soddisfazione l’approvazione della legge delega di riordino del settore dello spettacolo dal vivo: un risultato importante e atteso, per il quale come Federazione Italiana Teatro Amatori ci siamo schierati attivamente, soprattutto dopo l’incontro avuto lo scorso ottobre con il ministro Franceschini. Ora siamo pronti a guardare avanti, per dare il nostro fattivo contributo perché questa legge sia davvero una solida base di sviluppo per la cultura nel nostro Paese».
Questa la prima dichiarazione di Carmelo Pace, presidente nazionale della Fita, alla notizia dell’approvazione in via definitiva alla Camera della legge quadro sullo spettacolo dal vivo, per sostenere la quale nei giorni scorsi il mondo del teatro amatoriale – del quale Fita è leader in Italia con 1400 compagnie aderenti e 23mila iscritti – aveva tra l’altro emesso un documento unitario, la cosiddetta “Carta di Pesaro”, firmata dallo stesso Pace e da Antonio Perelli per la Uilt.
Numerose le novità introdotte dalla legge. Tra le più interessanti per il settore, il riconoscimento del valore delle pratiche artistiche amatoriali, della canzone popolare d’autore, del teatro di figura e dell’arte di strada, l’estensione del sostegno statale alla musica popolare contemporanea, ai carnevali storici e alle rievocazioni storiche; e così pure la creazione di un Consiglio superiore dello spettacolo, in sostituzione della Consulta, con compiti di consulenza e collaborazione in materia di politica di settore.
«Ora è il momento di rimboccarsi le maniche e perfezionare quanto iniziato con questa legge, come anticipato durante l’incontro con il ministro Franceschini – conclude Pace -. Fita c’è ed è pronta a fare la propria parte: con la forza dei suoi settant’anni di esperienza e la viva energia di un mondo amatoriale del quale viene finalmente riconosciuto il ruolo sociale e culturale».

Bando - “Il Toscanello”



I Comitati Provinciale di Lucca e Regionale della Toscana della F.I.T.A. – Federazione Italiana Teatro Amatori, organizzano la quarta edizione del Festival Regionale il “Toscanello” che avrà luogo nel periodo tra gennaio e marzo 2018, presso il Teatro Comunale “Idelfonso Nieri” di Ponte a Moriano (Lucca).

SCARICA                           BANDO

Progetto “Teatro Lab” 9° Edizione - 2018 -SCADENZA PROROGATA 30-11-2017



    
E’ indetta la 9°edizione del Progetto “Festival Internazionale Teatro Lab” che si svolgerà a Novellara e Guastalla  dall’ 8 al 21 aprile 2018.
Questa manifestazione ha lo scopo di stimolare l’analisi e la progettazione di attività teatrali e di spettacolo all’interno della Scuola e delle realtà culturali presenti sul territorio nazionale e di sensibilizzare l’opinione pubblica. “COSA SARÁ" è il tema dell'edizione 2018 del festival Internazionale Teatro Lab. Una frase per stimolare una riflessione, e utilizzare il tetro come risposta. Di fronte ad una violenza sempre più dilagante nel mondo contemporaneo, il teatro, come tutte le arti, oggi ha una nuova ed importante responsabilità, quella di far riflettere ed aprire le menti su queste tematiche che non riguardano solo alcuni, ma ognuno di noi.  Ragionare ed esprimersi attraverso le emozioni per cercare di comprendere quantomeno, anche senza avere la presunzione di dare risposte, cosa sarà

ATTENZIONE..SCADENZA PROROGATA AL 30 NOVEMBRE 2017

SCARICA                 BANDO







martedì 7 novembre 2017

Premiazione Viterbo 2017



Al Palazzo dei Priori domenica 5  novembre premiazione del Festival Nazionale FITA – XXII Premio Città di Viterbo – alla presenza del consigliere nazionale FITA Pasquale Manfredi e di Fiammetta Fiammeri che per la FITA  ha curato la Direzione Artistica del Festival
Il premio per il miglior spettacolo è andato a “Amleto vs. Romeo” di Fabiano Marti, portato in scena dalla compagnia “La Calandra” di Tuglie (LE) con la seguente motivazione : ”Solo chi conosce a fondo il teatro tradizionale può immaginare e mettere in scena questa divertente e intelligente commistione tra personaggi”. L’opera si è aggiudicata anche il premio Media & Sipario, offerto dalla testata giornalistica on line specializzata in cultura e spettacoli.
Premio alla miglior regia a Carolina de la Calle Casanova, per la pièce “Virginia va alla guerra”, messa in scena dalla Compagnia Estragone di San Vito al Tagliamento (PN) l’opera è stata definita dalla giuria una perfetta macchina scenica, adatta al palcoscenico e al grande schermo ed ha ottenuto anche il Premio del Pubblico.
Premio alla migliore attrice protagonista: Norina Benedetti, per “Virginia va alla guerra”, di cui è anche l’autrice.
Un ex-aequo per il premio al migliore attore protagonista: Fabiano Marti e Federico Della Ducata, per “Amleto vs. Romeo”. Questa la motivazione:”La loro complementarità seppure contrapposta si è fusa in un’unica performance dalla straordinaria valenza espressiva.”
Premio per il migliore attore non protagonistaad Angelo Polce della compagnia “Amici del Teatro” di Valmontone (RM), per la sua interpretazione del dottor Purgone nella commedia “Il malato immaginario” di Molière. La compagnia ha ricevuto anche il premio per i migliori costumi.
Premio Memorial Francesco Mencaroni a Sandro Calabrese interprete nello spettacolo “Ben Hur” di Gianni Clementi, con la compagnia “La bottega dei Rebardò”. Particolarmente emozionante il momento della consegna del premio da parte della figlia del mai dimenticato Mencaroni, attore e membro della giuria FITA del festival per tanti anni.

Infine il Premio Rotary, associazione da sempre partner del Festival, è stato attribuito alla compagnia “Saro Costantino” di Rometta (ME) per la messa in scena de “La Giara” di Luigi Pirandello, con a motivazione: “L’utilizzo di giovanissimi attori come ottimo auspicio per il futuro del teatro amatoriale”. La Compagnia ha ricevuto anche il premio per il miglior allestimento scenico.



Nella foto il momento della consegna del Premio alla compagnia vincitrice, con il consigliere nazionale Fita Pasquale Manfredi, la Direttrice Artistica del festival Fiammetta Fiammeri, il presidente provinciale di Viterbo B. Mencarelli e l'assessore alla cultura del comune di Viterbo Antonio Delli Iaconi.